Affrontare un’aggressione: diverse reazioni

reazioni diverse ad un'aggressione

 

Un combattimento reale non arriva mai nel momento giusto e sarà sempre spaventoso.
In fin dei conti, per una persona media, uno scontro da strada non è qualcosa che accade tutti i giorni.
Per questa ragione, quando si verifica una situazione spaventosa o terrificante, all’inizio tutti si bloccano.
Ci sono tre tipi di reazioni:
• Rimanere bloccati nello shock totale e non fare assolutamente nulla di efficace;
• Dare di matto – agitarsi e sostanzialmente creare solo più caos e più confusione;
• Valutare correttamente la situazione e reagire di conseguenza.
Quello a cui puntiamo è, ovviamente, la terza reazione. Per questo motivo, allenarsi sotto pressione è uno dei fondamentali più importanti di qualsiasi allenamento basato sulla realtà.
Nella vita reale la pressione balzerà alle stelle immediatamente. Bisogna abituarsi a quella sensazione, perché provarla per la prima volta in un vero attacco può essere mortale.
Quando ci si allena, bisogna emulare il più possibile la paura, lo stress e la confusione.
Per fare ciò, due ottimi modi sono lavorare sotto sforzo e allenarsi con degli scenari.

Allenatevi in modo intelligente, state attenti
Sharir R,
Istruttore capo ICCS