Avere rispetto per il nemico

rispetto nemico

Una delle cose più importanti nel combattimento in generale è avere rispetto per il nemico.
Avere rispetto, in uno scontro da strada, significa non sottovalutarlo. Mai sottovalutare chi ho di fronte.
Posso essere grande e grosso, forte, allenato, cintura nera, gran maestro, istruttore, cavaliere dello zoodiaco, ma non devo mai sottovalutare chi ho davanti. Anche il più addestrato soldato delle forze speciali, se preso di sorpresa, diventa un bersaglio facile. Come già detto, un bambino con un coltello in mano diventa molto più pericoloso di qualsiasi persona adulta forte e addestrata. Non devo farmi trarre in inganno dalle dimensioni, dall’età o dal sesso del mio aggressore. Già per il fatto che il mio aggressore abbia intenzione di combattere, non va sottovalutato. Chiunque sia.
Molte persone per strada passano guai seri perché sottovalutano l’aggressore. Non fate questo errore. Chiunque vi aggredisca merita di non essere sottovalutato. Voi, se costretti a farlo, dovete combattere contro chiunque con la medesima mentalità. Minimizzare i miei danni, massimizzare i danni all’aggressore.
Se non faccio queste due cose perché mi accorgo che il mio aggressore è anziano oppure minorenne avrò la peggio. Ovviamente si parla di aggressione molto violente, magari a mano armata, aggressori multipli (baby gang o cose simili). Non sottovalutare mai chi ho di fronte.

Andrea Bonomo
Responsabile Nazionale ICCS Italia