Benvenuti nella realtà

Nella realtà una persona perderà il 50 per cento delle sue capacità tecniche a causa dello stress causato da qualunque situazione estrema. Per questa ragione, nell’ICCS dedichiamo una grande parte dell’allenamento al lavoro sotto stress e sotto affaticamento. Non riguarda il mantenersi in forma eccellente (comunque questo è un grande bonus). Riguarda soprattutto l’essere abituati a sentirsi in maniera terribile e continuare ad andare avanti. Sviluppare una forte attitudine mentale. La tecnica che non è edificata su un forte ed aggressivo stato mentale, non uscirà mai fuori con efficacia nella realtà. La pratica di striking e allenarsi nelle aggressioni attraverso esercizi corretti di sviluppo della mentalità da “guerriero” dovrebbero essere di qualunque sistema di combattimento basato sulla realtà. La tecnica senza allenamento per l’aggressività non vi porterà da nessuna parte. Ma essere aggressivi, anche senza una conoscenza propria della tecnica, solitamente fa vincere lo scontro. L’aggressività copre sempre la mancanza di tecnica. La tecnica non copre mai l’assenza di aggressività.
La ragione per cui tutto sembra funzionare nell’allenamento delle arti marziali in palestra risiede nel fatto che esiste un’accordo tra le persone che praticano una specifica tecnica. Una persona attacca in un certo modo e il compagno di allenamento affronta l’attacco in una maniera preventivamente accordata, senza alcuna resistenza da parte dell’aggressore. Questo tipo di allenamento può essere divertente, ma è tanto lontano dalla realtà quanto l’est lo è dall’ovest. La prossima volta che imparate una tecnica vi raccomando di fare quanto segue: dopo averla provata qualche volta lentamente e aver compreso la meccanica della tecnica, chiedete al vostro compagno di allenamento di attaccarvi a piena potenza e di opporre resistenza.
Ora provate ciò su tutto ciò che conoscete, anche lasciando che il vostro compagno vi faccia sapere con quale mano vi attaccherà. Sarete strabiliati dal risultato. Ma non è tutto.
Dopo questo primo salto nella realtà, facciamo un passo successivo. Dopotutto, come persone che si allenano e insegnano a salvare le nostre vite e delle persone intorno a noi, abbiamo l’obbligo morale di richiedere verità. Ora provate tutte le vostre tecniche che conoscete non solo con resistenza da parte del vostro compagno di allenamento (per resistenza non intendo fare la tecnica con lo stesso e identico accordo e soltanto un po’ più veloce; intendo mettersi le protezioni e andare a contatto pieno!), ma questa volta dopo essere davvero stanchi. Ora, questo è un allenamento reale. Preparatevi ad essere stupiti. Esiste la teoria e la realtà. Benvenuti nella realtà.
Per queste ragioni l’ICCS è strutturata come segue: ogni argomento è costituito da suoi principi fondamentali, quindi le varie tecniche hanno a che fare con la materia specifica. I principi sono la cosa più importante da ricordare. Gli scenari possibili sono infiniti. E provare a far fronte a ogni possibile scenario con una tecnica apposita è irreale e senza senso. Invece seguire i corretti principi avere il giusto atteggiamento mentale può coprire qualunque situazione, senza dover impazzire provando a indovinare ogni possibile situazione.

Allenatevi con intelligenza,
State attenti,

Sharir Richman
Istruttore capo ICCS